L’ATTIVITA’ DEL CONSIGLIO DI DISCIPLINA: DALL’ILLECITO DISCIPLINARE AL PROVVEDIMENTO SANZIONATORIO

deontologia e procedimenti disciplinari

Evento dal taglio esclusivamente operativo e sviluppato attraverso esercitazioni aventi rispettivamente ad oggetto la redazione di un verbale di audizione del professionista, di un provvedimento di archiviazione, di una delibera di rinvio a giudizio, di un provvedimento sanzionatorio.

OBIETTIVI

La riforma degli ordinamenti professionali ha individuato nel Consiglio di Disciplina il soggetto deputato all’azione disciplinare, ovvero alla valutazione dei comportamenti contrari alle norme deontologiche della categoria professionale di appartenenza.
Il ruolo di Consigliere di Disciplina è delicato e di alta tecnicalità, posto che richiede conoscenza e sensibilità verso le tematiche giuridiche e processuali. Il Consiglio di Disciplina è infatti chiamato a coniugare in modo fattivo ed equilibrato l’incarico di giudicante, l’onere di tutore del Codice Deontologico, il compito di contestualizzare le violazioni deontologiche, nonché il buon senso.
Il Seminario in oggetto, rivolto ai componenti degli organi disciplinari di Ordini e Collegi professionali e ai referenti della segreteria amministrativa, si propone di fornire cognizioni legali e procedurali utili per assolvere con consapevolezza e serenità l’incarico ricevuto.
L’incontro ha un carattere esclusivamente operativo e viene svolto attraverso un format innovativo: all’inizio dei lavori viene presentato un caso pratico che accompagnerà i partecipanti durante il percorso formativo e che supporterà la trattazione e declinazione delle fasi salienti del procedimento disciplinare. I partecipanti, pertanto, sotto la guida del Relatore, saranno richiesti di svolgere 4 esercitazioni aventi rispettivamente ad oggetto la redazione di un verbale di audizione del professionista, di un provvedimento di archiviazione, di una delibera di rinvio a giudizio, di un provvedimento sanzionatorio.
Attraverso questa metodologia, si metterà in evidenza quali sono gli errori procedurali cui più facilmente si incorre e si evidenzieranno le “credenze” erronee suscettibili di condurre all’impugnazione dei provvedimenti fino alla Corte di Cassazione.
 
PROGRAMMA
 
Relatore, Avv. R. Lancia
Obiettivi e presentazione del caso disciplinare
 
Organizzazione interna del consiglio di disciplina
 
• Nomina, insediamento e Collegi
• Il Presidente del Consiglio di Disciplina
• L’assegnazione dei procedimenti disciplinari
• La sostituzione del Consigliere di Disciplina
• I conflitti di interesse e le soluzioni
 
Il procedimento disciplinare
 
• Principi e norme del procedimento
• La fase preliminare
Esercitazione: audizione nella fase preliminare
• Il rinvio a giudizio e gli addebiti
Esercitazione: il provvedimento di rinvio
• Lo svolgimento del procedimento
• La decisione
Esercitazione:: l’archiviazione
Esercitazione: il provvedimento sanzionatorio
• Le sanzioni e la pubblicità
 
L’accesso agli atti del procedimento ex 241/90
 
• L’interesse diretto, concreto e attuale
• I controinteressati
• Il procedimento di accesso: il D.lgs. 184/2006
 
Questioni varie
• Il ruolo della Segreteria amministrativa
• Le spese del Consiglio di Disciplina
• I verbali e delibere
• Procedimento disciplinare e il processo penale: la pregiudiziale penale
• L’ esecutività del provvedimento sanzionatorio
 
PARTECIPAZIONE E ISCRIZIONI
 
La quota di iscrizione è pari ad Euro 290, oltre IVA (se dovuta) ed è deducibile dal Reddito Professionale ex L. 81/2017.
Le iscrizioni possono essere fatte on line al link: http://ltshop.legislazionetecnica.it/dett_iniziativa.asp?id_iniziativa=9...
oppure inviando il modulo di iscrizione compilato a segreteria.corsi@legislazionetecnica.it

Rivolto a: 
Architetti
Avvocati
Chimici
consulenti
datori di lavoro
esperti del settore
Geologi
Geometri
Ingegneri
liberi professionisti
Periti industriali

Prossime date